mercoledì 23 novembre 2011

Canto dell'Amante o Canto d'Adone

28 Febbraio 2011


Irretito nella ragnatela imperlata dei tuoi capelli belli,
che sanno di erbe, non m’interessa di perdere me stesso in te,
se una maschera perdo, ciò che guadagno è il Tutto.
Se mi perdo, ciò che guadagno è tutto ciò che Vive.
Se mi perdo, ciò che guadagno è Armonia in sposa.
Se mi perdo, ciò che guadagno è ogni Bellezza pensabile e non.
Se mi perdo, ciò che guadagno è un Amore, in cambio di un Tiranno.
Se mi perdo nei tuoi fianchi l’unica cosa che perdo è l’unica cosa che non mi mancherà.
Se mi perdo, in Te mi posso ritrovare, giovane e luminoso e bello per sempre.
Se mi perdo, in Te posso ritrovare la vera Via.
Se mi perdo, ciò che guadagno è il tuo viso di pesca,
le tue cosce di luna, il tuo volto discreto,
con lo sguardo obliquo, che mi spia dolcemente.

Ti prego, mia Signora, permetti sempre di perdermi in te,
nelle tue figlie amate, nelle tue braccia di frutti e di terra.
Culla il mio sonno sul tuo petto, sulle tue ginocchia,
mentre mi spingo a sognare il tuo Sogno.


(Sì lo so, ma torna la primavera e torna anche il mio monotematismo; a me è sempre gradito, spero non stufi neanche voi :))
Immagine: Adonis dream di Richard Franklin.

Nessun commento:

Posta un commento