domenica 4 novembre 2012

Il Mito II: Mito come Modello

Spesso nelle grandi e piccole scelte, nei cambiamenti di rotta e nei momenti difficili noi donne ci sentiamo perse, pensiamo, scaviamo nella nostra memoria per vedere se per caso ci sono tracce, indicazioni di qualcuna che si sia trovata nella nostra stessa situazione. Ma spesso non le troviamo. Sembra che in questo mondo moderno ci siano pochi o nessun modello di comportamento da seguire per le donne che fogliono essere indipendenti, forti, naturali e pianamente e luminosamente femmilini. Ma forse per tutte noi che proviamo a camminare in questa direzione nel Mito c'è una traccia, una serie di orme da seguire, qualcuno in cui riconoscerci che ci indica la via sorridendo. E non importa se per Mito si intende la storia di una Divinità, di un'eroina o semplicemente della bisnonna di cui si tramandano le stravaganze. Come già visto il Mito è prima di tutto Racconto, e nei Racconti arrivatici dalla saggezza antica ci sono tutte le indicazioni che ci servono, basta saperle sentire e leggere con la nostra parte più ricettiva alle indicazioni profonde.
E questo l'ha dimostrato in maniera chiarissima e meravigliosa, fra gli altri, Clarissa Pinkola Estés con i suoi libri, le sue storie e le sue interpretazioni. Ma non è una cosa che possano fare solo psicologi e studiosi, anzi, basta prendere dimestichezza con i Racconti e i loro simboli, ed allora tutto sembrerà chiaro. E se vi sembrerà di aver perso la vostra gioia di vivere, la vostra Anima profonda, Psiche vi indicherà come ritrovarla; se vi sentirete sperse in un labirinto di vuoto, Arianna vi tenderà il suo magico filo;  se vi troverete ad essere sottomesse quando invece vorreste correre libere, Atalanta vi precederà nella corsa.
Anche se sembra che i modelli non ci siano, soprattutto per quanto riguarda le nostre Vie spirituali ed interiori, in realtà abbiamo Maestre e Conduttrici che ci sorridono in ogni raccolta di favole, miti, racconti del folklore e aneddoti di Grandi Donne che non si sono piegate.

Per approfondire si possono consultare i libri:
Donne che corrono coi lupi di Clarissa Pinkola Estés
I Racconti della Vecchina del Bosco di Barbare Fiore

Vedi anche: Il Mito I: Mito come Modello

1 commento:

  1. Grazie per questo scritto, capita spesso di sentirsi soli, di non avere un modello ... Ma come ricordi tu, c'è il mito...e non uno solo, bensì tantissimi e ognuno di loro ci può dare conforto :*

    Un abbraccio Stella bellissima :***

    RispondiElimina