giovedì 4 gennaio 2018

Il racconto dell'ancella

Il racconto dell'ancella di Margaret Atwood, Mondadori, 1988.
Numero di pagine: 313
Titolo originale: The Handmaid's Tale
Lingua originale: inglese
Prima edizione: 1985
Prima edizione italiana: 1988

Ho letto questo libro - purtroppo - solo dopo aver visto l'omonima serie del 2017, prima non lo conoscevo, ma, benché preferisca sempre leggere prima il libro e poi dedicarmi ai rifacimenti cinematografici, è stata comunque una scoperta piacevole, visto che entrambi mi hanno appassionato.
Anche questo libro l'ho trovato provvidenzialmente usato: ero stata tentata di comprare l'ultima edizione di Il Ponte delle Grazie, ma scartabellando fra i libri del mercatino dell'usato, me lo sono trovato davanti. Immaginate la soddisfazione: pagare 2 euro invece di 17 proprio il libro che desideravi leggere.
Quella che ho trovato è la prima edizione italiana, uscita 3 anni dopo la prima in lingua originale; sicché sono passati più di 30 anni da allora, ma Il racconto dell'ancella è ancora straordinariamente attuale.
Il racconto è in prima persona e prende la voce da una donna, chiamata Difred (nell'originale inglese Offred, il suo nome di nascita è vietato, sostituito da questa qualifica di appartenenza al Comandante di nome Fred) che vive negli odierni Stati Uniti in un tempo distopico sul finire del '900. In seguito a inquinamento, guerre e conseguenti disagi, fra cui un drastico calo della fertilità mondiale, ha preso il potere un gruppo teocratico e rigidamente gerarchico, chiamato la repubblica di Galaad, portando ad una rigida divisione in "caste" sia per gli uomini che per le donne. Ogni fascia deve assolvere a determinati compiti ed è costretta ad indossare abiti che rivelino l'appartenenza degli individui: al vertice stanno i Comandanti e le Mogli (vestite di blu), ci sono poi le Figlie (vestiti bianchi) destinate al matrimonio combinato con gli Angeli, ovvero i soldati; le Marte (verde) cioè le donne anziane o non fertili che curano le case dei Comandanti il cui nome è dovuto a Marta, la sorella del biblico Lazzaro; gli Occhi ovvero le spie presenti in tutto il tessuto sociale; i Guardiani giovani ai quali non è ancora permesso avere una donna, le Economogli dai vestiti multicolori, ed in fine le Ancelle dalle vesti scarlatte e le Zie (marrone). Le Ancelle si situano al margine della gerarchia femminile, poiché il loro compito è importante per Mogli e Comandanti, quanto scomodo: sono donne fertili  che unendosi ai Comandanti (sempre alla presenza della Moglie ed in maniera ritualizzata) porteranno in grembo quelli che diverranno a tutti gli effetti figli della copia, il tutto ricalcato sull'episodio biblico di Rachele, moglie sterile di Giacobbe e la sua serva Bilah i cui figli divengono di Rachele.
Difred è un'Ancella, il suo racconto spazia dal presente durante la sua permanenza nell'abitazione del Comandante Fred e della Moglie Serena Joy, al passato con flashback sulla sua vita precedente, aveva un compagno (forse giustiziato) ed una figlia data da crescere ad un'altra copia, quando lei è stata catturata durante un tentativo di lasciare il paese, con il crescere del potere di Galaad. Viene portata insieme ad altre donne al Centro Rosso dove forzata dalle Zie, sorte di kapò plenipotenti, viene addestrata come Ancella: l'alternativa era essere deportata nelle Colonie dove l'avrebbe aspettata una morte lenta ed atroce per gli effetti di materiali radioattivi, insieme agli altri indesiderati.
Durante il giorno Difred assolve ai suoi compiti sempre accompagnata da un'altra Ancella, Diglen, che però si rivela essere in contatto con un movimento clandestino chiamato Mayday.
Una sera il Comandante la invita nel suo studio, atto già di per sé proibito, e di volta in volta i due stringono un rapporto, basato sempre e comunque sul potere. Difred capisce che l'Ancella precedente, suicidatasi nella casa, aveva anch'essa avuto dei rapporti non leciti con il Comandante, ed è a questa donna che si deve la frase incisa nella stanza di Difred, che è diventata la più celebre del libro: Nolite te bastardes carborundorum "Non lasciare che i bastardi ti schiaccino".
Il Comandante arriva a far travestire Difred e portarla a Gezabele, una sorta di bordello di lusso, dove Difred ritrova Moira, la sua amica del tempo precedente alla dittatura.
La Moglie all'oscuro di tutto, convinta che il Comandante sia sterile, spinge Difred fra le braccia di Nick, l'autista-tutto fare di casa: fra i due nasce dell'affetto, ma gli eventi precipitano quando Diglen viene scoperta e si suicida; quando un furgone degli Occhi arriva alla casa del Comandante per prendere Difred, Nick, che si scopre essere una spia anch'esso, l'avverte di stare tranquilla, poiché in realtà si tratta del Mayday. La storia si chiude così, senza lasciarci capire se Difred è riuscita a fuggire ed attraversare la frontiera con il Canada o sia effettivamente stata giustiziata.
Nella finzione letteraria, la storia che noi leggiamo è una registrazione fatta da Difred, infatti l'ultima parte del libro consiste in uno studio condotto 200 anni dopo riguardo la repubblica di Galaad da alcuni studiosi del periodo che hanno tentato di ricavare notizie sull'identità e la fine di Difred.
La narrazione si divide in due parti principali, quella notturna in cui Difred è sé stessa, sola, e quella diurna durante la quale accadono le cose, entrambe però saltano dal presente al passato e riportano i pensieri della protagonista.
Chi ha visto la serie tv avrà notato che la parte dedicata dalla scrittrice a Luke e Moria è molto minore di quella in cui compaiono negli episodi, così come quella riservata a Janine, che viene nominata poche volte, e a Diglen.

Il racconto dell'ancella si inserisce nel solco dei romanzi distopici del 900 di cui i più famosi rappresentanti sono Il mondo nuovo di Aldus Hyxley del 1932, 1984 di George Orwell del 1949 e Farenhait 451 di Ray Bradbury del 1953.
In ognuno dei racconti su citati il gruppo al potere ha trovato il modo di spezzare i legami fra gli individui, in modo che fiducia ed empatia siano bandite dalla società, rendendo più facilmente controllabili i cittadini. Ne Il racconto dell'Ancella il meccanismo è simile a quello di 1984: un sistema di spionaggio e delazione talmente ampio che spinge le persone a non fidarsi di nessuno, abolendo anche la solidarietà femminile; in Farenhait 451 e in Il mondo nuovo il controllo sociale è apparentemente meno stretto ma anche più subdolo, poiché si basa sul tenere le coscienze "addormentate" tramite l'uso di droghe, comodità e distrazioni varie.
L'esistenza di un qualsiasi tipo di resistenza o gruppi di dissidenti è piuttosto incerta sia in Il racconto dell'ancella che in 1984; in Farenhait 451 invece il protagonista finisce per unirsi ai ribelli, mentre in Il mondo nuovo il protagonista è originario di un piccolo gruppo al di fuori del condizionamento sociale imperante. Laddove l'esistenza di un qualche gruppo di opposizione sia incerto, spesso a causa della mancanza di informazioni credibili e non manipolate, manca anche la speranza di un qualche tipo di cambiamento, infatti è proprio la scoperta di una possibile via di uscita che muove gli eventi dei personaggi di Atwood ed Orwell.
In tutti questi racconti (tranne ne Il mondo nuovo) nel corso della narrazione si trovano accenni ad una guerra combattuta in un luogo relativamente distante, ma che determina molti aspetti sociali (la creazione di nemici per instaurare il controllo sulla popolazione è magistralmente esposta anche nell'altra opera di Orwell, La fattoria degli animali).
Ne Il racconto dell'ancella non c'è un unico grande capo come il Grande Ford de Il mondo nuovo o il Grande Fratello di 1984 ma l'affinità è data dalla rigida stratificazione sociale indicata anche dal colore obbligatori dei vestiti a seconda della "casta" di appartenenza, biologicamente indotta in Huxley, sociale e legata alla fertilità per le donne della Atwood, dipendente dall'appartenenza al Partito in Orwell.
Un altro tema comune è il controllo della parola, che se in 1984 si esprime con un continuo rimaneggiamento delle informazioni per adattarle al volere del governo, nel racconto della Atwood si esplicita con il divieto di usare determinate parole e persino di leggere e scrivere per le donne. Il tema della proibizione delle lettere in quanto strumento di acquisizione di un senso critico scomodo per la dittatura, è preponderante in Farenhait 451 con i suoi roghi di libri.
Si potrebbe tentare anche un confronto anche con il più recente V for Vendetta, graphic novel da cui è tratto il famoso film del 2005.
In definitiva, consiglio vivamente la lettura di questo libro, che da alcuni è stato definito "femminista", sia per l'inquietante verosimiglianza di ciò che racconta, sia perché porta a riflettere sul potere esercitato dagli uomini e dalle dittatura sul corpo e sulle menti delle donne.

Nessun commento:

Posta un commento