lunedì 26 gennaio 2015

Liquori - Grappe gelatine marmellate con erbe e frutti spontanei

Liquori - Grappe gelatine marmellate con erbe e frutti spontanei tipici o presenti in Piemonte Liguria e Alpi Occidentali di Riccardo Luciano e Renzo Salvo, Araba Fenice, 2013.
Numero pagine:
Lingua originale: italiano
Prima edizione: 2013
Fotografie delle piante: sì 
Illustrazioni botaniche: no
Illustrazioni di altro tipo: sì
Schede singole piante: sì
Ricette e preparazioni: sì
Piante commestibili: sì
Piante officinali: sì 
Piante aromatiche: sì 
Piante protette: no
Etnobotanica e storia: no


Ok, il titolo sembra quello di un film della Wertmüller, ma ormai so di andare sul sicuro con i libri dell'Araba Fenice, che non mi hanno mai delusa. Questo in particolare è strutturato come segue.
Ad una breve, ironica e condivisibile presentazione, segue una schematica illustrazione dei metodi di preparazione dei liquori per immersione e sospensione. troviamo poi le schede delle singole erbe ed alberi, corredate con grandi foto a colori (a volte anche di parti specifiche), che riportano nome comune e botanico, famiglia di appartenenza, descrizione della pianta, habitat, periodo di fioritura e/o fruttificazione e le varie ricette, soprattutto di grappe e liquori; ciò che più mi ha interessato però, sono state le marmellate e le confetture, ottenute con frutti dimenticati o misti con spezie. Le ultime due ricette utilizzano un certo numero di erbe e non solo una o due come nelle schede precedenti. Seguono l'indice dei nomi latini, quello con i nomi comuni, ringraziamenti e bibliografia.
Non sono molto esperta nella preparazione di bevande alcoliche, quindi il mio giudizio è molto parziale, ma trovo questo libro utile e ben fatto, adatto ad avventurarsi in questo mondo affascinante e a scoprire le erbe sotto una luce inconsueta.
Aggiornamento: sono passati gli anni, e così ho maturato qualche esperienza nel campo della produzione di liquori, riprendendo questo libro, ho trovato alcune ricette poco appetibili, ma sicuramente ho ancora bisogno di sperimentare.

Nessun commento:

Posta un commento