giovedì 4 luglio 2019

Miti e leggende del Nord

Miti e leggende del Nord di Vilhelm Grønbech, Einaudi, 1996
Numero pagine: 324
Lingua originale: danese
Titolo originale: Nordiske Myter og Sagn
Prima edizione: 1927
Prima edizione italiana: 1996

Da qualche anno, oltre ai vari interessi insoliti, anche la mitologia nordica è entrata a far parte delle mie letture; non è facilissimo trovare testi validi in quest'ambito, che vede in ogni caso un numero piuttosto basso di pubblicazioni, così quando trovo qualcosa di pertinente, me ne approprio subito.
Miti e leggende del Nord mi ha convinto anche perché fa parte della collana I millenni, che solitamente comprende volumi ben scritti e curati, così mi sono tuffata nella lettura.
Si tratta di una raccolta di miti rinarrati dall'Autore, vissuto a cavallo fra 800 e 900; si apre con una prefazione della curatrice dell'opera che tratta della vita dell'autore e dell'intento che lo portò a rinarrare in danese moderno le antiche leggende norrene cercando di vederle come le vedevano gli skaldi che le narravano nelle grandi sale, e di recuperare l'unità fra natura e cultura, corpo e spirito, collettività e individuo che caratterizzava le società da cui tali racconti provenivano. Segue una nota al testo e alla tradizione, bibliografia, elenco delle illustrazioni in bianco e nero di Ernst Hansen che arricchiscono il volume.
Arriviamo quindi all'introduzione storica ad opera dell'Autore, che traccia la storia dei popoli nordici, a partire dalla loro prima comparsa letteraria nella Germania di Tacito, ai margini del mondo allora conosciuto, ma che via via irrompono nella storia con gesta e conquiste che sono riecheggiate dalle saghe a noi pervenute; Grønbech intende rievocarne lo spirito, vederle e mostrarle attraverso gli occhi dei loro compositori, divenendo una sorta di skaldo moderno.
Si apre quindi la narrazione con la creazione del mondo, la nascita e la natura degli dei e di altre creature semi-divine quali Elfi, Norne e Disir (per ognuno narra episodi tratti da saghe o racconti diversi). Passa quindi a descrivere i Giganti, tradizionali avversari degli Dei, ed altri mostri quali il Serpente del Mondo e il lupo Fenrir; prosegue con le imprese di Tor, la guerra fra Asi e Vani, la catena di Fenrir, il rapimento di Idhun, la cattura di Fenrir, la morte di Balder ecc. Insomma, tutti i miti più noti tratti principalmente dall'Edda in prosa fino ad arrivare al Ragnarok.
Troviamo quindi un interessante capitolo intitolato Cristo e i vecchi dei, in cui Grønbech ha raccolto episodi relativi alla cristianizzazione delle terre nordiche, principalmente ad opera di Olaf il Santo e Olaf Tryggverson, e le rivalse delle precedenti divinità.
La seconda parte del libro è dedicata alle saghe famigliari o su singoli eroi, fra i quali Volund, Hading, Amleto (dimenticate la versione shakespeariana), le imprese dei contadini di Hrafnistla, la sorte degli Hjadinghi condannati a combattere per sempre a causa degli Dei, le contese fra Skjoldunghi e Adubardi in cui si inserisce l'episodio di Beowulf, la genealogia degli Ynglingar discendenti di Freyr e re di Svezia, fino alla celebre saga dei Volsunghi con Sigurd, la valchiria Brunild, il drago Fafnir ecc.
Nell'appendice conclusiva, per ogni capitolo si trovano un breve riassunto dei miti trattati, ma soprattutto le fonti originali consultare dall'Autore. Chiudono il volume glossario e indice generale.
Personalmente conoscevo già i miti narrati nella prima parte, sicché ho trovato maggiormente interessanti il capitolo sull'avvento del cristianesimo nelle terre nordiche e la seconda parte, dedicata alle saghe. Se state pensando di acquistarlo, tenete conto che a parte l'inquadramento storico ad inizio volume, questa è un'opera prettamente narrativa, non ci sono approfondimenti storico/sociali/antropologici come ad esempio ne I miti nordici di Gianna Chiesa Isnardi. L'ho trovata una lettura piacevole, non specialistica ma tendenzialmente fedele ai testi originali, quindi lo consiglio agli appassionati del genere ed anche a chi si avvicini per la prima volta alla mitologia nordica.

Nessun commento:

Posta un commento